Dieta plant-based nello sport: riduce il rischio cardiovascolare e migliora la performance

dr. Ettore Pelosi, Medico, specialista Medico Nucleare, Nutrizionista

10 Dicembre 2020

Sport, alimentazione, cuore

Tempo di lettura: 9 minuti

Podisti, ciclisti, triatleti e tutti coloro che si cimentano nelle grandi fatiche, sono sempre identificati nell’immaginario collettivo come uomini e donne con cuore e polmoni d’acciaio. Invece, questi atleti tendono a sviluppare lesioni aterosclerotiche e malattia cardiovascolare prima delle persone sedentarie.

Uno studio del 2017 [1] ha rilevato la presenza di placche coronariche nel 44% di un gruppo di atleti di endurance (nel caso specifico ciclisti e podisti), mentre nel gruppo di controllo di persone coetanee sedentarie, la percentuale era del 22%. Uno studio tedesco del 2009 [2] aveva già riscontrato danni miocardici nel 12% di un gruppo di maratoneti di oltre 50 anni, contro il 4% dei controlli scelti tra i coetanei sedentari.

Questi studi non sono riusciti a dimostrare quali fossero le cause in grado di accelerare la patologia coronarica negli atleti, e cioè se questi problemi fossero dovuti all'attività sportiva o agli alimenti spesso usati per sostenerla. Tuttavia, è verosimile che l’alimentazione giochi un ruolo importante: se l'energia supplementare è fornita (anche in parte) da prodotti animali, i grassi saturi e il colesterolo che essi contengono, uniti all'assenza di antiossidanti e fibre, finiscono col contribuire allo sviluppo di aterosclerosi.

Recentemente, sulla rivista scientifica Nutrients è stata pubblicata una review [3] che esplora il ruolo della dieta nella protezione cardiovascolare, in particolar modo negli atleti di endurance, individuando i fattori chiave che rendono la dieta plant-based protettiva: essa migliora il quadro lipidico, quello glicemico, riduce i valori pressori, il peso corporeo e, come parte di uno stile di vita salutare, rallenta, fino ad invertirla, l'aterosclerosi.

Vuoi ricevere via mail i prossimi articoli del blog? Iscriviti alla nostra newsletter.

I possibili effetti sulla performance sportiva

La dieta plant-based può contribuire a migliorare le prestazioni sportive e accelerare il recupero dopo gli allenamenti grazie agli effetti positivi sull'organismo. Essa infatti:

  • migliora la composizione corporea, riducendone la massa grassa;

  • aumenta l'efficienza di accumulo del glicogeno a livello muscolare;

  • riduce la viscosità del sangue migliorando l'ossigenazione dei tessuti;

  • riduce lo stress ossidativo;

  • riduce l’infiammazione sistemica.

Tutti questi elementi forniscono un presupposto scientifico per implementare diete sportive plant-based. Esaminiamoli un po' più nel dettaglio.

Riduzione della massa grassa

È un effetto dovuto principalmente al basso contenuto in grassi e all’alto contenuto in fibre della dieta plant-based [4]. Questi fattori riducono la densità energetica e la quantità di calorie assunte ad ogni pasto, aumentando la densità nutrizionale dello stesso.

Aumento dell'efficienza di accumulo del glicogeno a livello muscolare

I carboidrati sono la fonte primaria di energia durante l'esercizio aerobico di intensità moderata ed elevata. Sul lungo periodo, una dieta ad alto contenuto di carboidrati migliora la resistenza durante l'attività [5].

Tuttavia, la dieta di molti atleti è carente in carboidrati, il che li pone a rischio di esaurimento rapido con conseguente rapida comparsa di affaticamento (i carboidrati si accumulano, sotto forma di glicogeno, solo a livello epatico e muscolare, in piccole quantità). Uno studio del 2016 svolto su atleti di triathlon e pentathlon, ha evidenziato che meno della metà di loro (46%) assumeva abbastanza carboidrati [6].

Dato che cereali, legumi e tuberi sono ricchi in carboidrati complessi, passando a una dieta vegetale gli atleti aumentano l’assunzione di carboidrati salutari e migliorano le loro riserve basali di glicogeno [7].

Riduzione della viscosità del sangue e aumentata ossigenazione dei tessuti

Diminuire la viscosità del sangue migliora il flusso ematico e di conseguenza la performance [8].

L'allenamento aerobico riduce la viscosità ematica attraverso un aumento della volemia; ma la viscosità è influenzata anche dalla dieta e poiché gli alimenti vegetali sono privi di colesterolo e poveri di grassi saturi, le diete plant-based portano un’ulteriore riduzione della viscosità [9].

In uno studio che confrontava 48 vegetariani e 41 onnivori è stato dimostrato che la viscosità del sangue è minore nei vegetariani [10]. Chi evita del tutto la carne ha una viscosità significativamente inferiore a chi la consuma, e questo è vero anche se il consumo è decisamente inferiore rispetto alla media, ossia meno di una volta la settimana.

Vuoi ricevere via mail i prossimi articoli del blog? Iscriviti alla nostra newsletter.

Riduzione dello stress ossidativo

L'esercizio muscolare produce radicali liberi e antiossidanti in grado di contrastarli. Quando la produzione dei radicali liberi indotta dall’attività fisica supera la capacità dell'organismo di contrastarli attraverso la produzione endogena di antiossidanti e/o all’assunzione esogena degli stessi (attraverso la dieta), allora si genera stress ossidativo.

Lo stress ossidativo può causare danni più o meno gravi: da quelli al DNA (che portano a mutazioni), a quelli ai lipidi plasmatici (in grado provocare aterosclerosi), alle proteine (con danni alle cellule e conseguente invecchiamento precoce), ecc. Lo stress ossidativo, legato all'esercizio, può portate affaticamento muscolare, perdita o riduzione della performance atletica e difficoltà nel recupero [11].

Una dieta basata su alimenti vegetali migliora le capacità antiossidanti, grazie all’aumentata assunzione di vitamina C, vitamina E, beta-carotene ed altri antiossidanti [12,13].

Riduzione dell'infiammazione

L'esercizio fisico intenso può determinare infiammazione e indolenzimento muscolare.

La dieta plant-based risulta d’aiuto nella strategia generale per ridurre l'infiammazione. Una metanalisi di 18 studi ha evidenziato che i valori plasmatici della proteina C-reattiva (un marcatore dell’infiammazione sistemica corporea) risultavano ridotti in soggetti che seguivano diete su base vegetale da oltre due anni; questo suggerisce un loro effetto anti-infiammatorio [14].

Questo effetto è il risultato della combinazione di più elementi: un contenuto più alto di antiossidanti nei cibi vegetali, l'assenza/bassa concentrazione di sostanze pro-infiammatorie o sensibilizzanti negli stessi, l'assenza/bassa concentrazione di grassi pro-infiammatori.

Per tutte queste ragioni, una dieta plant-based può essere d'aiuto a tutti gli atleti, per la loro salute sul lungo termine e per il miglioramento della performance, dell'adattamento e del recupero, sia per gli sport di endurance che per quelli di forza.

Il pacchetto di corsi on-line Sport e nutrizione ottimale: il percorso completo fornisce le competenze per impostare una dieta plant-based ottimale per la salute, e, sulla base di questa, la corretta nutrizione sportiva per massimizzare le performance. Il pacchetto offre 40,5 crediti ECM per i professionisti sanitari ed è aperto anche al pubblico generale. Leggi il programma e tutti i dettagli.

Vuoi ricevere via mail i prossimi articoli del blog? Iscriviti alla nostra newsletter.

References

  1. Merghani, A.; Maestrini, V.; Rosmini, S.; Cox, A.T.; Dhutia, H.; Bastiaenan, R.; David, S.; Yeo, T.J.; Narain, R.; Malhotra, A.; et al. Prevalence of subclinical coronary artery disease in masters endurance athletes with a low atherosclerotic risk profile. Circulation 2017, 136, 126–137.

  2. Breuckmann, F.; Möhlenkamp, S.; Nassenstein, K.; Lehmann, N.; Ladd, S.; Schmermund, A.; Sievers, B.; Schlosser, T.; Jöckel, K.-H.; Heusch, G.; et al. Myocardial late gadolinium enhancement: Prevalence, pattern, and prognostic relevance in marathon runners. Radiology 2009, 251, 50–57.

  3. Barnard ND, Goldman DM, Loomis JF5, Kahleova H, Levin SM, Neabore S, Batts TC. Plant-Based Diets for Cardiovascular Safety and Performance in Endurance Sports. Nutrients. 2019 Jan 10;11(1). pii: E130. doi: 10.3390/nu11010130.

  4. Phillips, F.; Hackett, A.F.; Stratton, G.; Billington, D. Effect of changing to a self-selected vegetarian diet on anthropometric measurements in UK adults. J. Hum. Nutr. Diet. 2004, 17, 249–255.

  5. Jacobs, K.A.; Sherman, W.M. The efficacy of carbohydrate supplementation and chronic high- carbohydrate diets for improving endurance performance. Int. J. Sport Nutr. 1999, 9, 92–115.

  6. Masson, G.; Lamarche, B. Many non-elite multisport endurance athletes do not meet sports nutrition recommendations for carbohydrates. Appl. Physiol. Nutr. Metab. 2016, 41, 728–734.

  7. Melina, V.; Craig, W.; Levin, S. Position of the academy of nutrition and dietetics: Vegetarian diets. J. Acad. Nutr. Diet. 2016, 116, 1970–1980.

  8. Smith, M.M.; Lucas, A.R.; Hamlin, R.L.; Devor, S.T. Associations among hemorheological factors and maximal oxygen consumption. Is there a role for blood viscosity in explaining athletic performance? Clin. Hemorheol. Microcirc. 2015, 60, 347–362.

  9. Wang, F.; Zheng, J.; Yang, B.; Jiang, J.; Fu, Y.; Li, D. Effects of vegetarian diets on blood lipids: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. J. Am. Heart. Assoc. 2015, 4, e002408.

  10. Ernst, E.; Pietsch, L.; Matrai, A.; Eisenberg, J. Blood rheology in vegetarians. Br. J. Nutr. 1986, 56, 555–560.

  11. Powers, S.K.; Talbert, E.E.; Adhihetty, P.J. Reactive oxygen and nitrogen species as intracellular signals in skeletal muscle. J. Physiol. 2011, 589, 2129–2138.

  12. Rauma, A.L.; Törrönen, R.; Hänninen, O.; Verhagen, H.; Mykkänen, H. Antioxidant status in long-term adherents to a strict uncooked vegan diet. Am. J. Clin. Nutr. 1995, 62, 1221–1227.

  13. Kahleova, H.; Matoulek, M.; Malinska, H.; Oliyarnik, O.; Kazdova, L.; Neskudla, T.; Skoch, A.; Hajek, M.; Hill, M.; Kahle, M.; et al. Vegetarian diet improves insulin resistance and oxidative stress markers more than conventional diet in subjects with type 2 diabetes. Diabetic Med. 2011, 28, 549–559.

  14. Haghighatdoost, F.; Bellissimo, N.; Totosy de Zepetnek, J.O.; Rouhani, M.H. Association of vegetarian diet with inflammatory biomarkers: A systematic review and meta-analysis of observational studies.
    Public Health Nutr. 2017, 20, 2713–2721.

Per ricevere i prossimi articoli via mail iscriviti alla newsletter:

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy

© Copyright 2020 Accademia della Nutrizione. Se vuoi condividere questi contenuti, diffondi il link a questa pagina, grazie. Non è consentito riprodurre l'intero articolo o una parte di esso senza autorizzazione.

I corsi on-line dell'Accademia della Nutrizione

  • Per il pubblico generale: prendi il controllo della tua salute attraverso l'alimentazione.

  • Per i professionisti sanitari, con crediti ECM: sviluppa competenze sul tema, sempre più richiesto, della nutrizione vegetale.

Vai al catalogo corsi

Corsi per il pubblico generale.

Corsi con crediti ECM (disponibili anche per il pubblico generale in versione senza crediti).