Accademia della Nutrizione

Login

I cibi vegetali sono protettivi contro i sintomi più gravi del COVID-19

10 Giugno 2021
Tempo di lettura: 4 minuti

Verdure e legumi

Un nuovo studio dimostra che una dieta ad elevato consumo di verdura, legumi e frutta secca diminuisce del 73% il rischio di sviluppare sintomi gravi in chi si ammala di COVID-19, rispetto alla dieta onnivora media.

Avevamo già spiegato come, attraverso la dieta, sia possibile contrastare le malattie che rendono più pericoloso il COVID-19: la dieta vegetale non può proteggere dall'infezione, ma può prevenire e curare le patologie che ne aumentano la severità.

Ma uno studio scientifico appena uscito è andato ancora oltre: ha mostrato come la dieta possa influire in modo diretto sulla gravità dei sintomi in chi si ammala di COVID.

Questo studio è il primo ad analizzare il legame tra dieta e COVID-19: ha preso in esame 2884 persone di 6 diverse nazioni (tra cui anche l'Italia), tutti medici o altri operatori sanitari sottoposti a una sostanziale esposizione al COVID.

Tra questi, 568 hanno sviluppato il COVID. I sintomi sono stati suddivisi in 2 categorie di gravità: la prima "da moderato a grave", la seconda "leggero o molto leggero".

Dallo studio è risultato che chi seguiva una dieta ad elevato consumo di verdura, legumi e frutta secca, aveva il 73% in meno di probabilità di sviluppare la forma più grave di COVID rispetto a chi seguiva una dieta onnivora standard.

Prendi il controllo della tua salute

Ricevi gratuitamente brevi articoli e consigli utili per la tua salute con la nostra newsletter.

Oltre 5000 persone ci seguono, ci farebbe piacere se ti unissi anche tu.

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy

Al contrario, chi seguiva una dieta ad alto contenuto di proteine e basso di carboidrati aveva probabilità maggiori di sviluppare la forma più grave di COVID.

I ricercatori hanno concluso: "I nostri risultati suggeriscono che una dieta sana, ricca in cibi nutrizionalmente densi, può essere presa in considerazione per la protezione contro i sintomi gravi del COVID-19".

Va tenuto conto che queste persone non seguivano una dieta 100% vegetale (solo una parte di loro era vegetariana), ma semplicemente una dieta ad alto consumo di vegetali e basso di cibi animali. È ragionevole dunque ipotizzare che con una dieta completamente vegetale l'effetto protettivo sia ancora maggiore.

Fonte: Kim H, Rebholz CM, Hegde S, et al. Plant-­based diets, pescatarian diets and COVID-19 severity: a population-b­ ased case– control study in six countries. BMJ Nutrition, Prevention & Health 2021;0. doi:10.1136/ bmjnph-2021-000272

Impara a seguire una dieta plant-based ottimale per la salute coi nostri corsi base:

Pacchetto introduttivo all'alimentazione vegetale

  • Corsi accessibili 24 ore su 24
  • Corsi adatti a tutti

306 iscritti
98% soddisfatti dei corsi

© Copyright 2021 Accademia della Nutrizione. Se vuoi condividere questi contenuti, diffondi il link a questa pagina, grazie. Non è consentito riprodurre l'intero articolo o una parte di esso senza autorizzazione.


« Indice del blog