Accademia della Nutrizione

Login

Qual è il modo più facile per contrastare l'inquinamento atmosferico?

04 Dicembre 2023
Tempo di lettura: 5 minuti

Inquinamento

Il modo più facile e alla portata di tutti per contrastare l'inquinamento atmosferico lo spiega Shaun Walker, giornalista, nell'editoriale di una newsletter del quotidiano inglese The Guardian intitolata "Vuoi fare la differenza per l'inquinamento dell'aria? Riduci il consumo di carne e latticini" (e anche di uova, aggiungiamo, perché l'allevamento di polli e galline è più inquinante di tutti gli altri, quando si tratta di polveri fini [1]).

Con dovizia di fonti, Walker spiega che il legame tra aria tossica e produzione alimentare è ben noto: l'ammoniaca derivante dalle deiezioni animali e dall'uso eccessivo di fertilizzanti (usati soprattutto per la coltivazione dei mangimi per gli animali d'allevamento) reagisce nell'aria formando minuscole particelle pericolose e inquinanti. Almeno il 40% dell'inquinamento mondiale da polveri fini si forma in questo modo, secondo uno studio del 2021 [2]. In paesi in cui altre emissioni, come quelle industriali, sono state ridotte, si arriva al 60%.

Quello che finora non era stato studiato in dettaglio è il legame tra la dieta e l'inquinamento da polveri fini. Ci ha pensato il dott. Marco Springmann, ricercatore dell'Università di Oxford, in un articolo uscito su Nature lo scorso ottobre [3]. La sua analisi ha mostrato che:

Prendi il controllo della tua salute

Ricevi un mini-corso di nutrizione gratuito, iscrivendoti alla nostra newsletter. In più, ogni settimana consigli su alimentazione e salute.

Oltre 65.000 persone ci seguono, ci farebbe piacere se ti unissi anche tu.

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy

Oltre all'ammoniaca sono stati presi in considerazione anche le emissioni di metano degli allevamenti, che contribuiscono alla formazione di particolato nell'aria, e le emissioni di ozono a livello del suolo, anch'esso nocivo per la salute umana.

Nei paesi sviluppati, densamente abitati e con un alto numero di animali allevati, come quelli europei e dell'America del nord, una dieta vegana eviterebbe il 20% delle morti dovute all'aria inquinata.

Il dott. Marco Springmann ha dichiarato al giornalista Shaun Walker: "Molti politici sono preoccupati dell'inquinamento dell'aria, ma non pensano quasi mai al legame con l'alimentazione. Noi abbiamo dimostrato che invece la dieta è un fattore che contribuisce in modo determinante".

L'inquinamento non solo danneggia la salute ed è una causa di morte ma riduce le capacità fisiche e cognitive delle persone. Marco Springmann e il suo gruppo di ricercatori ha stimato che la diminuzione dell'inquinamento dovuta al cambio di dieta avrebbe anche ripercussioni economiche positive, per la maggiore produttività e per la minore spesa sanitaria.

Tuttavia, come fa notare Walker, è difficile far cambiare abitudini alimentari alle persone e l'industria zootecnica sta contrattaccando in modo potente.

Per questo è importante rendere note le informazioni derivanti dalla ricerca scientifica: questo dell'inquinamento dell'aria è un ulteriore tassello del puzzle, un nuovo aspetto dei benefici di una dieta vegetale, in aggiunta a quelli già noti per la salute umana, le emissioni di gas serra, lo spreco di risorse e l'impatto ambientale in generale.

Concludiamo con le parole dello scienziato Joseph Poore del 2018 [4]: "Una dieta vegan è probabilmente la singola azione più efficace per ridurre il proprio impatto sul pianeta".

Passare a una dieta vegetale è facile

Passare a una dieta 100% vegetale è più facile di quanto sembri e ha solo aspetti positivi: prova questo cambiamento con qualcuno che ti guida giorno per giorno, attraverso il Vegan Discovery Tour.

È un "viaggio virtuale" gratuito che in 20 giorni porta nella tua mailbox molte informazioni utili e consigli pratici. I docenti dell'Accademia della Nutrizione hanno curato i contenuti relativi a dieta e salute. Iscriviti al Tour, è gratuito!

Inoltre puoi scoprire tutti i vantaggi per la salute di una dieta vegetale con i nostri corsi base:

Pacchetto introduttivo all'alimentazione vegetale

  • Corsi accessibili 24 ore su 24
  • Corsi adatti a tutti

1153 iscritti
98% soddisfatti dei corsi

Il corso mi è sembrato utile perché tocca tutti i punti per imparare a seguire una dieta 100% vegetale ottimale. — Donata V.

Corso ben strutturato, lezioni chiare, interessanti, utili anche a chi già segue un'alimentazione 100% vegetale. — Clementina T.

Il corso è stato valido, le informazioni precise, il rapporto qualità prezzo molto buono. — Edoardo C.

Mi iscrivo! Altre testimonianze

Fonti

  1. Corriere della Sera, Dataroom, Inquinamento: il 50% è prodotto dai riscaldamenti e allevamenti intensivi, 26 febbraio 2019.

  2. Baojing Gu et al., Abating ammonia is more cost-effective than nitrogen oxides for mitigating PM2.5 air pollution. Science 374, 758-762(2021). DOI:10.1126/science.abf8623

  3. Springmann, M., Van Dingenen, R., Vandyck, T. et al. The global and regional air quality impacts of dietary change. Nat Commun 14, 6227 (2023). https://doi.org/10.1038/s41467-023-41789-3

  4. The Guardian, "Avoiding meat and dairy is ‘single biggest way’ to reduce your impact on Earth", 31 maggio 2018.

© Copyright 2023 Accademia della Nutrizione. Se vuoi condividere questi contenuti, diffondi il link a questa pagina, grazie. Non è consentito riprodurre l'intero articolo o una parte di esso senza autorizzazione.


Categoria: Ecologia

« Indice del blog