Accademia della Nutrizione

Login

Aria tossica: polveri fini e allevamenti intensivi

10 Ottobre 2023
Tempo di lettura: 5 minuti

Inquinamento dell'aria

Pochi giorni fa il quotidiano inglese The Guardian ha pubblicato i risultati di una investigazione: il 98% dei cittadini europei respira aria tossica [1]. L'investigazione riguarda le polveri sottili, o meglio, polveri fini (ancora più dannose), che attaccano i polmoni e penetrano nell'organismo fino ad arrivare al sistema cardiocircolatorio. Causando asma, allergie, bronchiti, enfisema, tumori, problemi cardiocircolatori.

Ma già qualche anno fa, nel 2019, un report italiano [2], una ricerca delle università americane Carnegie Mellon e Stanford [3] e un report del Lancet [4] avevano sollevato il problema.

I danni Italia e la responsabilità degli allevamenti

Le zone più colpite sono l'Europa dell'est e l'Italia, in particolare la pianura padana e zone circostanti, in cui la concentrazione di polveri fini è il quadruplo del massimo indicato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Qui il problema è esacerbato dalla presenza di allevamenti intensivi, in particolare di suini e polli.

Infatti sono proprio gli allevamenti di animali una delle cause principali di inquinamento da polveri fini: sono secondi solo al riscaldamento. Il riscaldamento domestico ne è responsabile per il 38% e subito dopo vengono gli allevamenti, col 15,1%. L'industria è al terzo posto, con l'11,1% e poi viene il traffico automobilistico, col 9%. Ma, mentre nel settore dei trasporti e dell'industria le emissioni sono in diminuzione, negli allevamenti sono in aumento.

Tutti gli allevamenti costituiscono un problema: che si tratti della produzione di carne o di pesce, di uova o di latticini. I peggiori però sono quelli di polli e galline (per la carne o per le uova), con emissioni che vanno dal doppio al triplo rispetto agli altri.

Questo genere di inquinamento è definito "da particolato PM 2,5": si tratta di particelle solide e liquide sospese in aria con diametro inferiore a 2,5 micron, dette "polveri fini", che sono in grado di penetrare a fondo nel nostro organismo. Permangono molto a lungo in atmosfera e trasportano altri inquinanti (come metalli pesanti e idrocarburi), diventando così ancora più pericolose.

Le prime vittime sono i bambini e l'Italia detiene il non invidiabile primato in Europa per le morti provocate da questo genere di inquinamento: 45.600 vittime in un anno. Questi sono i dati del 2016; nel 2015 eravamo secondi per numero di vittime, nel 2016 abbiamo raggiunto il maggior numero di vittime in tutta Europa e siamo diventati undicesimi nel mondo. E, come dimostra il nuovo report del Guardian, la nostra nazione è la più colpita tra quelle dell'Europa occidentale.

Prendi il controllo della tua salute

Ricevi un mini-corso di nutrizione gratuito, iscrivendoti alla nostra newsletter. In più, ogni settimana consigli su alimentazione e salute.

Oltre 65.000 persone ci seguono, ci farebbe piacere se ti unissi anche tu.

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy

Anche danni economici

Non solo danni alla salute, ma anche economici: vanno infatti conteggiati anche i costi sanitari causati dal particolato PM 2,5. Uno studio pubblicato pochi mesi fa da ricercatori delle università americane Carnegie Mellon e Stanford ha dimostrato che i 4 settori sopra citati, maggiormente responsabili delle emissioni di polveri fini, contribuiscono al PIL nazionale per meno del 20%, ma sono responsabili di oltre il 75% dei danni.

Ma questi costi non sono sostenuti dall'industria dell'allevamento: a loro vanno i guadagni, i costi gravano sulle spalle della società intera. In Italia la situazione non è diversa: i settori responsabili sono gli stessi, gli allevamenti impattano più di industria e traffico, e riguardo ai danni alla salute umana siamo i primi in Europa per numero di morti.

La dieta vegetale è una soluzione

Quello dell'inquinamento da polveri fini è un motivo di più per evitare il consumo di carne, pesce e di ogni prodotto dell'allevamento. Gli altri motivi sono una maggior protezione dalle malattie cronico degenerative e una drastica diminuzione dell'impatto ambientale individuale. Oltre alla palese motivazione etica di evitare sofferenza e morte agli animali.

Passare a una dieta 100% vegetale è più facile di quanto sembri e ha solo aspetti positivi: prova questo cambiamento con qualcuno che ti guida giorno per giorno, attraverso il Vegan Discovery Tour.

È un "viaggio virtuale" gratuito che in 20 giorni porta nella tua mailbox molte informazioni utili e consigli pratici. I docenti dell'Accademia della Nutrizione hanno curato i contenuti relativi a dieta e salute. Iscriviti al Tour, è gratuito!

Inoltre puoi scoprire tutti i vantaggi per la salute di una dieta vegetale con i nostri corsi base:

Pacchetto introduttivo all'alimentazione vegetale

  • Corsi accessibili 24 ore su 24
  • Corsi adatti a tutti

1153 iscritti
98% soddisfatti dei corsi

Corso molto interessante. Spiegazioni chiare ed esaurienti. Un corso per approfondire la conoscenza sull'alimentazione 100% vegetale. — Giovanna K.

Complimenti per i corsi, che ho trovato davvero ben fatti e a un prezzo validissimo! — Manuele R.

Il corso è stato molto interessante e utile anche dal lato pratico. — Donatella Z.

Mi iscrivo! Altre testimonianze

Fonti

  1. The Guardian, Matthew Taylor and Pamela Duncan, Revealed: almost everyone in Europe is breathing toxic air, 20 settembre 2023.

  2. Corriere della Sera, Dataroom, Inquinamento: il 50% è prodotto dai riscaldamenti e allevamenti intensivi, 26 febbraio 2019.

  3. Peter Tschofen, Inês L. Azevedo, Nicholas Z. Muller, Fine particulate matter damages and value added in the US economy, PNAS October 1, 2019 116 (40) 19857-19862; first published September 9, 2019 https://doi.org/10.1073/pnas.1905030116

  4. 'The Lancet Countdown 2019: Tracking Progress on Health and Climate Change'

© Copyright 2023 Accademia della Nutrizione. Se vuoi condividere questi contenuti, diffondi il link a questa pagina, grazie. Non è consentito riprodurre l'intero articolo o una parte di esso senza autorizzazione.


Categoria: Ecologia

« Indice del blog