Accademia della Nutrizione

Login

Scienza contro dicerie anti-soia: vince 417 a zero

dr.ssa Luciana Baroni, Geriatra, Neurologa, Nutrizionista
23 Giugno 2021
Tempo di lettura: 6 minuti

Spiedini di verdure e tofu

Una recente rassegna, basata su 417 studi sull'uomo [1], ci fornisce dati assolutamente tranquillizzanti sulla soia e smonta le varie dicerie sui suoi effetti ormonali: il suo contenuto in fitoestrogeni, gli isoflavoni, la sua presunta pericolosità per le donne, gli uomini e i bambini.

In sostanza, non esistono studi seri sull'essere umano che dimostrino effetti negativi del consumo di soia e derivati.

Da anni cerchiamo di contrastare le dicerie "anti-soia". Chi diffonde in buona fede queste credenze non scientifiche immagina di fare un servizio alla salute dei cittadini, invece difende solo gli interessi dell'industria zootecnica.

La soia è un umile legume, ma le sue proprietà nutrizionali sono ben al di sopra di quelle dei cibi animali; per questo la bufala anti-soia è così dura a morire: grandi interessi economici la sostengono.

Le conclusioni del nuovo studio

Uno dei principali allarmi diffusi a tam-tam riguarda gli effetti ormonali della soia, ma la rassegna uscita lo scorso marzo [1] dimostra che nessuno di questi paventati pericoli è reale.

Gli unici studi che hanno individuato un effetto di interferenza endocrina da parte degli isoflavoni della soia sono studi condotti sugli animali, quindi senza alcun valore scientifico per gli esseri umani.

I dati sugli esseri umani sono invece numerosi, derivanti da 417 diversi studi: 229 erano studi osservazionali, 157 studi clinici e il resto erano revisioni sistematiche e metanalisi. Tutti questi lavori scientifici dimostrano che:

Prendi il controllo della tua salute

Ricevi gratuitamente brevi articoli e consigli utili per la tua salute con la nostra newsletter.

Oltre 5000 persone ci seguono, ci farebbe piacere se ti unissi anche tu.

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy

E per chi assume Eutirox?

Come già spiegato nel nostro articolo Ipotiroidismo e consumo di soia: non sono in contrasto, chi assume Eutirox o altri farmaci a base di tiroxina non deve affatto evitare la soia.

Ricordiamo che:

Per questo l'Eutirox va assunto a digiuno, meglio se un'ora prima della colazione: la composizione della colazione è a questo punto irrilevante, contenuto di soia compreso.

Soia OGM?

C'è chi invita a non consumare soia in quanto "tutta la soia coltivata è OGM". Al contrario, è OGM quella per i mangimi degli animali, quindi consumando carne, latticini e uova sicuramente si consuma, per vie traverse, anche soia OGM (e anche altri vegetali OGM). E non si può scegliere, perché l'origine OGM dei mangimi non è riportata in etichetta sui prodotti animali.

Invece, sui prodotti vegetali (soia o altro) è obbligatorio riportare in etichetta la loro eventuale origine OGM. Ne avete mai visti al supermercato? No, e non li vedrete, perché nessuno li comprerebbe e quindi non si trovano proprio in commercio. La dicitura "non contiene OGM" è del tutto inutile: se contenesse OGM, dovrebbe essere specificato; se non è specificato, non ne contiene.

Formazione a livello professionale

Ricevi articoli sullo stato dell'arte della nutrizione vegetale con la newsletter dell'Accademia:

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy

Soia e impatto ambientale

In generale, tutti i cibi vegetali, a parità di nutrienti, hanno un impatto ambientale molto minore di quelli di origine animale, visto che per nutrire gli animali - "da carne", "da latte" o "da uova" - è necessario coltivare una quantità di cereali e leguminose (soprattutto soia) estremamente più elevata rispetto a quella necessaria per il consumo diretto di vegetali.

Se esaminiamo in particolare il latte, scopriamo che [2, 3]:

Inoltre, se confrontiamo i latti vegetali tra loro, quelli di soia e di avena sono quelli a impatto ambientale minore. [3]

E la foresta amazzonica?

Quello della soia per il consumo umano che distrugge le foreste pluviali è un falso mito che a molti piace diffondere.

È verissimo che l'Amazzonia viene incendiata e disboscata anche per far posto alle coltivazioni di soia (oltre che per creare pascoli per i bovini, prima causa di distruzione).

Ma quella soia non viene usata per il latte di soia o il tofu, viene usata per i mangimi degli animali d'allevamento, cioè per produrre carne, latticini, uova: secondo i dati della FAO, il 96% della soia dell'Amazzonia viene consumata da mucche, maiali e polli allevati in tutto il mondo.

Conclusione

In una dieta plant-based non è necessario consumare soia e derivati, perché esistono molti altri legumi che possiamo utilizzare. La soia non è certo un cibo irrinunciabile o un cibo base.

Ma è assurdo evitarla per dar retta a false credenze su inesistenti pericoli per la salute o problemi di impatto ambientale. È un alimento sano, ecologico, a buon mercato e molto versatile in cucina, anche in forma di latte di soia, yogurt, tofu e tempeh: utilizziamolo tranquillamente, a rotazione con altri legumi, nel corso della settimana.

Per non farti fuorviare da credenze errate, impara le basi della nutrizione plant-based da fonti scientifiche:

Pacchetto introduttivo all'alimentazione vegetale

  • Corsi accessibili 24 ore su 24
  • Corsi adatti a tutti

342 iscritti
98% soddisfatti dei corsi

E se sei un professionista sanitario, il nostro corso ECM ti sarà utilissimo:

Corso:
Alimentazione plant-based nell'adulto: la teoria e la pratica

  • 13 ore di lezione, accessibili 24 ore su 24
  • Anche con crediti ECM

556 iscritti
97% soddisfatti del corso

Fonti

  1. Messina M et al. Crit Rev Food Sci Nutr. 2021;1-57.

  2. The Guardian, Almonds are out. Dairy is a disaster. So what milk should we drink?, 29 gennaio 2020.

  3. J. Poore, T. Nemecek, Reducing food’s environmental impacts through producers and consumers, Science, 1 giugno 2018 (Vol. 360, Issue 6392, pp. 987-992, DOI: 10.1126/science.aaq0216.

© Copyright 2021 Accademia della Nutrizione. Se vuoi condividere questi contenuti, diffondi il link a questa pagina, grazie. Non è consentito riprodurre l'intero articolo o una parte di esso senza autorizzazione.


Categoria: Soia e salute

« Indice del blog