Accademia della Nutrizione

Login

I latticini favoriscono il tumore alla prostata: nuove evidenze

dr.ssa Luciana Baroni, Geriatra, Neurologa, Nutrizionista
10 Novembre 2021
Tempo di lettura: 3 minuti

Simbolo del cancro alla prostata

E’ stato di recente pubblicato un nuovo studio che mette in relazione il consumo di latticini con lo sviluppo di tumore prostatico [1].

Lo studio è stato condotto in Giappone su quasi 26.500 uomini partecipanti al Japan Collaborative Cohort study, di età variabile dai 40 ai 79 anni. È stato valutato l’effetto del consumo di latte, yogurt, formaggio e burro.

I risultati dello studio evidenziano che il consumo di latte è associato a un rischio significativamente aumentato di cancro alla prostata: +37% (HR = 1,37, p = 0,009).

Dopo aver eliminato l'influenza della familiarità e dell'età, la relazione è risultata dose dipendente, cioè cioè maggiore è la quantità di latte assunta, maggiore è il rischio di sviluppare cancro alla prostata.

Anche il consumo di yogurt è risultato associato a un aumento significativo del rischio.

Prendi il controllo della tua salute

Ricevi gratuitamente brevi articoli e consigli utili per la tua salute con la nostra newsletter.

Oltre 5000 persone ci seguono, ci farebbe piacere se ti unissi anche tu.

Iscrivendoti accetti l'informativa sulla privacy

Questi dati confermano quelli di una meta-analisi del 2016 condotta su 11 studi svolti in diverse parti del mondo [2]. Essa aveva concluso che gli uomini che consumano una maggior quantità di prodotti lattiero-caseari hanno un rischio maggiore del 43% di morire di cancro alla prostata, rispetto agli uomini che generalmente evitano i latticini.

I possibili meccanismi alla base dell'aumento del rischio includono un aumento del fattore di crescita IGF-1, nonché una ridotta attivazione della vitamina D.

Il nuovo studio del 2021 conferma che il legame tra latticini e cancro alla prostata vale anche per gli uomini giapponesi, sui quali ad oggi l’evidenza non era così forte.

In Giappone il consumo di latticini non è tradizionale, ma va aumentando di anno in anno a causa degli influssi del mondo occidentale.

Per contro, in Italia il consumo di latte pare sia diminuito del 5% negli ultimi 2 anni (secondo l'Osservatorio Grana Padano) e che il 31% degli italiani non consumino latte. Queste sono notizie incoraggianti (sperando siano corrette).

Esistono molti latti vegetali tra cui scegliere, sani e con impatto ambientale molto minore del latte animale: scegliamo quelli per i nostri consumi quotidiani.

Per approfondire i legami tra salute e nutrizione e conoscere i vantaggi della dieta vegetale, puoi seguire il nostro corso on-line, disponibile con crediti ECM per i professionisti sanitari e senza crediti per il pubblico generale:

Corso:
Alimentazione plant-based nell'adulto: la teoria e la pratica

  • 13 ore di lezione, accessibili 24 ore su 24
  • Anche con crediti ECM

634 iscritti
98% soddisfatti del corso

Ho trovato il corso decisamente interessante, completo, ricco di spunti da poter approfondire, stimolante e, cosa non meno importante, utile e fondamentale nel mio lavoro di nutrizionista. — dott.ssa Emanuela R.

Sono molto soddisfatta del corso. Le informazioni bene strutturate e scientificamente valide. I test e l'esame finale mi sono piaciuti molto per come formulati e per il livello di difficoltà. — Barbara C.

Mi iscrivo! Altre testimonianze

Fonti

  1. Mikami K et al. Dairy products and the risk of developing prostate cancer: A large-scale cohort study (JACC Study) in Japan. Cancer Med. Published online October 4, 2021. doi: 10.1002/cam4.4233.

  2. Lu Wet al. Dairy products intake and cancer mortality risk: a meta-analysis of 11 population-based cohort studies. Nutrition Journal. 2016;15(1):91-102. doi: 10.1186/s12937-016-0210-9.

© Copyright 2021 Accademia della Nutrizione. Se vuoi condividere questi contenuti, diffondi il link a questa pagina, grazie. Non è consentito riprodurre l'intero articolo o una parte di esso senza autorizzazione.


Questo articolo appartiene alle categorie:

« Indice del blog